KeRete

Revisioni facili: nasce in Lombardia un progetto per contrastarle.


Le revisioni facili accontentano i clienti aggirando la legge. A farne le spese sono i professionisti onesti e la sicurezza stradale. Diego Brambilla, fondatore di Targa Alert, una rete di responsabili tecnici di revisioni che operano in Lombardia, spiega perché.

15mila revisioni in più rispetto allo scorso anno e circa 55mila in più rispetto al 2014. Questi dati, relativi al mese di agosto 2016, sono il risultato di controlli più severi da parte della polizia stradale e non di una maggiore disciplina da parte degli italiani, che di solito ritengono la revisione una vera scocciatura, una perdita di tempo e di soldi.

Il progetto Targa Alert contro i revisori furbi.

Da sempre vige la cattiva abitudine di scegliere meccanici che la “fanno passare la revisione”. Ma che cosa comporterebbe seguire alla lettera le prescrizioni di legge?

Il logo di Targa Alert - Lombardia

Il logo del gruppo di Targa Alert su Facebook – Lombardia

Lo spiega Diego Brambilla, Responsabile Tecnico che opera a Monza Brianza, e fondatore di Targa Alert, un progetto che mira, fra molte difficoltà, a mettere ordine nella materia:

“A rigore di legge il cliente che si reca presso il centro di revisione, dovrebbe aspettarsi tre tipi di esiti: regolare, ripetere o sospeso. Nel primo caso il veicolo supera i controlli tecnici e può circolare; nel secondo e nel terzo caso deve essere riparato presso un’officina prima di poter circolare. In questi ultimi due casi la revisione deve poi essere ripetuta. Per aggirare il doppio pagamento, i clienti spesso si recano direttamente presso un meccanico compiacente che chiude un occhio, effettua le riparazioni tralasciandone alcune che farebbero lievitare il prezzo, e poi consegna un esito regolare. Se non trovano subito qualcuno disposto a fare questo gioco, si recano presso un’altra officina più disponibile”.

Quindi il problema è la concorrenza sleale delle officine che aiutano i clienti ad aggirare la legge?

Un disegno di un'officina di revisioni per auto e moto.

Un disegno di un’officina di revisioni per auto e moto (www.informauto.net).

“Esattamente. Il risultato è che troppo spesso chi lavora male ha la meglio su chi lavora bene, fa più revisioni e aumenta gli incassi.

I concorrenti sleali non sono solo quelli in malafede. Ci sono anche i casi di conflitto di interesse di quei centri di revisione che hanno anche un’officina annessa, sotto la stessa proprietà. In questi casi capita spesso che clienti importanti dell’officina chiedano alla proprietà di chiudere un occhio su quei veicoli che per passare la revisione dovrebbero subire degli interventi costosi o antieconomici. Il proprietario si trova in condizione di scegliere se rischiare di perdere il cliente e effettuare una revisione rigorosa come suo dovere oppure chiudere un occhio per salvare capra e cavoli. Questo comporta, oltre che un illecito, anche un grave precedente: il cliente in futuro si sentirà in condizione di richiedere il favore e magari anche di consigliare il centro di revisioni a conoscenti per ottenere il medesimo trattamento. Senza considerare le conseguenze sulla sicurezza sulle strade, dove il veicolo non a norma (e quindi pericoloso) continuerebbe a circolare.”

Che cosa si può fare per contrastare tutto questo?

“Ci vorrebbero più controlli da parte della Motorizzazione civile, che però non ha mezzi e risorse. Personalmente, sto cercando di riunire i responsabili tecnici della Lombardia, quelle figure di professionisti autonomi, incaricati di effettuare le revisioni, di firmarle prendendo dunque anche in carico tutta la responsabilità, per aiutarci fra di noi: se un cliente rifiuta di far fare la revisione da uno di noi, la targa del veicolo viene trasmessa agli altri componenti del gruppo, in modo da costituire una rete di controllo”.

Quanti siete?

“Purtroppo ancora troppo pochi perché il nostro lavoro sia efficace. Targa Alert, così si chiama il nostro gruppo, è un gruppo di responsabili tecnici che opera in Lombardia e che recentemente ha aperto un gruppo su Facebook.

La rete degli aderenti al progetto di Targa Alert

La rete degli aderenti al progetto di Targa Alert: sei un Centro Revisioni e vuoi partecipare anche tu?

Il nostro problema è che per ora siamo troppo sparsi su tutto il territorio lombardo e ci manca l’indispensabile capillarità per poter essere davvero efficaci. Chi sfugge a una revisione regolamentare a Milano non si reca certo a Bergamo a cercare un’autofficina compiacente: la cerca sempre nella zona su cui gravita, e spesso l’automobilista riesce a trovare chi lo accontenta. Quando il nostro gruppo si allargherà a sufficienza migliorerà la nostra capacità di intercettare i furbetti alla ricerca di revisori compiacenti. Inoltre, per essere veramente efficaci i controlli dovrebbero essere condotti in collaborazione con la Motorizzazione civile. Stiamo cercando di diventare tanti in modo avere più potere contrattuale per negoziare un accordo con le autorità”.

Chi volesse saperne di più ed eventualmente partecipare all’iniziativa, che cosa deve fare?

“La cosa più semplice è contattarmi direttamente attraverso il mio profilo Facebook (clicca qui) oppure su quello di LinkedIn (clicca qui): con un contatto diretto sarà più facile approfondire insieme ogni aspetto del nostro progetto. Speriamo lo facciano in tanti per contrastare i concorrenti sleali ma soprattutto per migliorare la sicurezza delle auto revisionate in maniera professionale”.

La redazione di KeRete.

 

Revisioni facili: nasce in Lombardia un progetto per contrastarle.
4.5 (90%) 2 voti
Taggato su:

6 interventi su “Revisioni facili: nasce in Lombardia un progetto per contrastarle.

  1. carmine

    mi preme sempre la solita domanda, quanti dei tecnici iscritti lavorano in centri aventi le dimensioni idonee ad effettuare la revisione secondo normativa ? 1, 2 forse nessuno ? quindi quando parlate delle puttanate fatte da tanti malfattori e avventurieri perchè non vi includete nella lista ? pensate forse che le prove fonometriche si possono eseguire in difetto di legge, solo perchè i vari UMC hanno rilasciato il RT favorevole ?

  2. Patricia

    Bella iniziativa, é tutto interesse di un’officina riparare auto non conformi per la revisione, un guadagno in più, ma non tutti la pensano così purtroppo. Ogni giorno ho a che fare con gente che non vuole capire che la revisione non é una tassa, ma la verifica della sicurezza della propria auto. É anche vero che proprio a pochi passi da me c’è chi di occhi ne chiude 2 e fa passare delle revisioni che sarebbero da bocciare. Purtroppo l’Italia é dei furbi, che la passano sempre liscia.

    1. admin Autore

      Grazie Carlo, non è un caso che il progetto Targa Alert venga proposto al pubblico attraverso le pagine del nostro blog. Infatti l’attività di KeRete e quella del gruppo Targa alert promosso Diego Brambilla è accomunata dal fatto che entrambi si battono per cercare di portare professionalità e trasparenza nel mercato dell’autoriparazione.
      La concorrenza sleale può essere battuta solo da un’alleanza degli operatori più professionali organizzati per dimostrare al mercato che occuparsi in maniera etica e seria della manutenzione e riparazione dei veicoli oggi – se si vuole – è possibile.
      Targa Alert lo abbiamo raccontato qui sopra: conosci il progetto della Classificazione Professionale di KeRete e del suo portale RiparaSicuro.it?
      Se non lo conosci ancora, qui c’è un brevissimo video che abbiamo realizzato pensando agli autoriparatori come te: il video di presentazione di RiparaSicuro.it

  3. Giovanni Pisciuneri

    Buona sera Diego, mi congratulo con te per la tua iniziativa finalmente si inizia a fare un po’ di pulizia nel nostro settore, purtroppo tanti colleghi pensano che essere competitivi significa fregare l’altro o fare dei prezzi stracciati o lavorare male, come darsi la zappa sui piedi da soli. Io nella mia carrozzeria con i miei clienti cerco di essere leale e trasparente, e sono contento di questa scelta perché i risultati si vedono. Anche se siamo artigiani cerchiamo di gestire le nostre attività con professionalità, e passione, da veri imprenditori e solo cosi riusciremo a rivalutare la nostra immagine, in bocca al lupo per la tua iniziativa e tieni duro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *