KeRete

Intervista a Padovani di Aosta: “Per favore, non chiamateci carrozzieri”.

Parola d’ordine: trasparenza. Missione: soddisfazione del cliente. La “Padovani” di Aosta sta rivoluzionando il concetto di autoriparazione con una politica di marketing all’avanguardia.

Roberto Padovani

Il titolare Roberto Padovani

E per farlo il titolare dell’officina è partito dalla cosa più semplice: buttando via la parola “carrozzeria”. Roberto Padovani, che rappresenta la seconda generazione dell’azienda nata nel 1965, spiega perché.

 

Che cosa c’è di tanto brutto in quella parola?

“Il problema è che il termine ‘carrozzeria’ da un’idea molto precisa, e cioè di officine sporche, buie e fumose, caverne oscure, posti misteriosi dove si fanno pratiche poco chiare, accordi sotto banco con le assicurazioni e cose del genere”.

 

Tutto qui?

“Prendere le distanze da questo non è poco. La nostra officina è nata 50 anni fa e ci siamo sempre distinti per la qualità del nostro lavoro.

Padovani entrata

Entrata di Padovani

Noi siamo l’unico punto Euroglass di Aosta, usiamo materiali di alto livello e tecnici formati e preparati. Ma a un certo punto abbiamo capito che tutto questo non basta, di fronte alla concorrenza sleale e alle pratiche scorrette. L’unica era puntare su un’immagine diversa”.

 

Che tipo di immagine volete dare?

“Vogliamo mostrare come siamo e come lavoriamo. Vogliamo essere vicini ai clienti e avere con loro un contatto diretto. In pratica, ci mettiamo la faccia in tutto e per tutto. Per fortuna i giovani dell’officina sono molto aperti alle nuove tecnologie e hanno fatto tutto quello che si deve fare in questi casi: migliorare il sito internet, andare sui social network, e così via”.

 

Che risposta avete avuto?

“Per quanto riguarda l’aumento della clientela, è presto per dirlo. Oggi è difficilissimo mantenere la propria fetta di mercato, figuriamoci ingrandirla. gestione sinistro - logoDal punto di vista della soddisfazione del cliente, invece, i riscontri sono immediati, e molto positivi. I clienti hanno la possibilità di rispondere subito, commentare, dire se sono contenti della prestazione ricevuta. In pratica, sono coinvolti molto più di prima nel rapporto con noi autoriparatori, grazie a tutte le possibilità offerte da internet: Facebook, Google, Instagram”.

 

Quali sono i vantaggi di questo nuovo tipo di relazione con il cliente?

“Non ci vuole un esperto di web marketing per capire che questo modo di promuoversi è molto meno ‘freddo’, più diretto e trasparente rispetto a quello tradizionale. Una volta si cercavano spazi pubblicitari sulle pagine dei giornali o sui cartelloni stradali. I costi erano altissimi e comportavano un ritorno minimo rispetto all’investimento. Oggi questo sistema non funziona più. La cosa più importante è guadagnare la fiducia del cliente curando il rapporto dall’inizio alla fine”.

 

Ormai tutti hanno un sito internet e una pagina Facebook. Voi come vi distinguete?

“Innanzitutto cerchiamo di essere ‘belli’ anche in apparenza. Non perché l’aspetto esteriore sia più importante, ma perché non vogliamo neanche dare un’idea sbagliata. Quindi il nostro sito è molto curato, è la vetrina che deve attirare i clienti (qui trovate le panoramiche a 360° dell’azienda, ndr). Se lei cerca una carrozzeria ad Aosta su internet, Padovani risulterà in cima alla classifica. E da lì si arriva a un sito internet attraente, che da l’idea di un’officina ordinata, luminosa, pulita, che non trascura i particolari”.

 

Sì, ma concretamente quali servizi in più offrite?

“Posso citare due servizi innovativi che pochi altri in Italia offrono: la possibilità di richiedere e ottenere preventivi online e il tracciamento della riparazione.

Tracking della riparazione di Padovani

Il tracking della riparazione di Padovani

Il primo serve a fornire una valutazione del danno in tempo reale per i clienti che ci già ci conoscono oppure quelli che ci trovano online, con lo smartphone, quando sono per strada e hanno avuto un incidente. Per il secondo ci siamo basati sull’esperienza dei corrieri che danno ai clienti la possibilità di vedere il percorso del pacco spedito. Noi proponiamo la stessa cosa: forniamo al cliente un’area riservata sul nostro sito e mettiamo online foto della sua macchina nelle varie fasi dell’autoriparazione: quando è smontata, quando sta per essere riparata, rimontata e verniciata. Questo piace molto ai clienti, perché si rendono conto perfettamente di che cosa sta succedendo alla loro auto”.

 

Non è che tutto questo investimento sui servizi meno convenzionali vi distrae dalle cose più importanti?

“Come ho già spiegato la trasparenza non è meno importante del resto, significa far vedere quanto puntiamo sulla qualità. Le due cose sono legate. Fin dalla nascita Padovani punta sul livello dei servizi e sulla professionalità del personale. Noi curiamo al massimo e nel modo più completo possibile la gestione del sinistro, il rapporto con le assicurazioni e i periti. Inoltre vogliamo essere il posto dove l’automobilista viene per qualsiasi problema della sua auto: se ha bisogno del meccanico o del gommista, lo mettiamo in contatto con quelli migliori, diventiamo un tramite tra il cliente e tutti i servizi di cui può avere bisogno”.

 

Dove lo trovate il tempo per pensare al resto?

“Oggi non si può più pensare che le forme di promozione di cui abbiamo parlato siano un optional. Sono indispensabili, invece. Per fortuna i più giovani ci investono tempo ed energie perché ci mettono passione e hanno una propensione naturale verso le nuove tecnologie”.

 

© La Redazione di KeRete.it

Ti è stato utile questo articolo?

Un intervento su “Intervista a Padovani di Aosta: “Per favore, non chiamateci carrozzieri”.

  1. Pingback: Gli automobilisti ti stanno cercando online: ma tu ci sei? - KeRete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *