KeRete

Google my Business: rivendica la tua scheda!

Sei un meccanico o un carrozziere e non hai mai sentito parlare di Google My Business? Se la risposta è no, non preoccuparti, sei in buona compagnia. Sono ancora pochissimi gli autoriparatori che lo conoscono e che lo utilizzano.

Sappi però che Google My Business è probabilmente lo strumento più importante in assoluto per tutte le aziende locali che vogliano farsi trovare dai clienti che cercano online. E’ per questo che ho scritto quest’articolo in cui ti spiego di cosa si tratta e del perché devi immediatamente occuparti di questo strumento.

Cosa è la Scheda di Google My Business?

Si tratta di uno strumento gratuito, una specie di “mini-sito”, creato da Google che permette di pubblicare online in maniera semplice e molto efficace tutte le informazioni aziendali ricercate dai clienti. Per fare un esempio concreto, nell’immagine riportata sotto puoi vedere (evidenziata nel rettangolo rosso) la scheda di Google My Business di KeRete.

Lo screenshot della scheda di Google My Business di KeRete

Fai una prova con il nome della tua azienda, o quella del tuo autoriparatore di fiducia: digita il suo nome nella barra delle ricerche e osserva la scheda comparire a destra della pagina dei risultati. Prova a scrivere “Autofficina Pippo” o “Carrozzeria Pluto” (dove Pippo e Pluto, ovviamente, sono nomi di fantasia: sostituiscili con quelli che interessano te).

In un paio di casi la scheda potrebbe effettivamente non apparire:

  • il primo caso si realizza quando sono presenti più aziende con lo stesso nome e Google non riesce a capire con esattezza quale sia l’azienda fra le tante che tu stai cercando. In questo caso Google preferisce non creare confusione ed preferisce evitare il rischio di mostrarti la scheda sbagliata. In questo caso il problema si risolve aggiungendo il paese o la città dove risiede l’azienda modificando la ricerca così: “Autofficina Pippo Barletta” o “Carrozzeria Pluto Sanremo”.
  • Il secondo caso, più raro, si realizza quando la scheda proprio non esiste. Ne parliamo più sotto.

Quali informazioni offre una scheda di Google My Business?

La Scheda di Google My Business riporta tutte le informazioni richieste più frequentemente dai consumatori.

Le principali sono (in ordine di apparizione nella scheda e dall’alto verso il basso):

  • le fotografie dell’azienda
  • la posizione sulla mappa di Google Maps
  • la ragione sociale (o, meglio, il nome commerciale dell’azienda)
  • l’indirizzo del sito web (se esiste)
  • le recensioni dei clienti raccolte su questa scheda (quelle con le stelline arancioni)
  • la tipologia della vostra attività
  • l’indirizzo fisico
  • il telefono
  • gli orari di apertura
  • le recensioni dei clienti raccolte da altri siti web

In questa piccola scheda chi ti sta cercando può effettivamente trovare tutte le informazioni che gli servono per conoscerti meglio ed eventualmente mettersi in contatto con te. Si tratta di una opportunità di non poco conto, se consideri che, in questo modo, Google stesso ti da una possibilità di far comparire le informazioni più importanti della tua azienda direttamente sulla prima pagina del suo motore di ricerca!

La scheda di Google My Business rappresenta quindi per la tua azienda una grande opportunità da sfruttare al massimo: se non l’hai già fatto, ti consiglio quindi di attivarne una subito seguendo i consigli che troverai nel prosieguo di questo articolo.

Differenza tra Schede rivendicate e Schede create da Google

Un esempio di una scheda Google My Business Rivendicata

Un esempio di una scheda Google My Business Rivendicata

Prima di vedere come si fa ad attivare la scheda per la propria azienda, è importante precisare subito che esistono due macro tipologie di schede di Google My Business:

  • quelle create o rivendicate dall’azienda proprietaria
  • quelle create automaticamente e direttamente da Google in assenza dell’intervento diretto dell’azienda proprietaria

Le prima categoria di schede, quelle create o rivendicate direttamente dall’azienda proprietaria, nel settore autoriparativo rappresentano ancora la netta minoranza. Sono infatti ancora molto pochi gli autoriparatori che sanno cosa è una scheda di Google My Business e ancora meno quelli che ne hanno creata o rivendicata una per loro azienda.

La seconda categoria di schede, quelle schede create automaticamente da Google, sono quelle che invece si incontrano più frequentemente. Google le crea direttamente personalizzandole con le informazioni che trova sul web, ammesso che ritenga sufficientemente affidabili le informazioni di cui dispone. Quando decide di crearla, però, non è detto che siano esenti da errori od omissioni: orari e fotografie degli interni sono tipicamente quelle che non riesce quasi mai a trovare in autonomia.

In certi casi, per una serie di motivi, Google può ritenere poco affidabili le informazioni che reperisce sul web: in questo caso spesso decide di non pubblicare la scheda. Per quanto la ricerchiate, o per quanto la ricerchino i vostri potenziali clienti, in questo caso non la troverete mai.

Come si riconosce una scheda rivendicata da un’azienda rispetto a una creata automaticamente da Google?

Una scheda di Google My Business creata automaticamente

Una scheda di Google My Business creata automaticamente da Google e non rivendicata dall’azienda a cui si riferisce.

Il metodo più semplice è osservare se sulla scheda compare la dicitura (vedi l’immagine accanto) “Sei il proprietario di quest’attività?”. Se compare questa scritta vuole dire che la scheda non è stata ancora rivendicata dal legittimo proprietario e che quindi le informazioni pubblicate sulla scheda sono state raccolte sul web da Google.

Quando la scheda invece è priva di questa dicitura (vedi la scheda sopra di Autoriparazioni Acchiardo), allora vuole dire che la scheda è stata creata (partendo da zero) o rivendicata (partendo da una scheda creata automaticamente) dal titolare o da un incaricato dell’azienda stessa.

Perché Google si preoccupa di creare la scheda My Business al posto tuo?

Per capirlo bisogna far riferimento alla mission di Google“organizzare le informazioni del mondo e renderle universalmente accessibili e utili”. Organizzare le informazioni e renderle accessibili è il suo mestiere, che effettivamente ha saputo svolgere negli ultimi 10 anni meglio di qualsiasi altro motore di ricerca: lo dimostra il fatto che più del 95% degli italiani ha scelto di utilizzare questo motore di ricerca, e che in pochi anni Google abbia fatto piazza pulita di tutti i suoi concorrenti.

Google sa perfettamente quali sono le informazioni più importanti che i consumatori si aspettano quando ricercano online: è proprio per rispondere a questa esigenza informativa che ha creato la Scheda Google My Business. Queste informazioni sono così ricercate e così importanti per i consumatori che se non sei tu a preoccuparti a fornire le informazioni della tua azienda, ci pensa lui a farlo al posto tuo. Google vuole essere certo che chi ricerca online riesca sempre ad ottenere le informazioni più aggiornate e corrette possibili.

Perché intervenire e non lasciare fare tutto a Google?

Lasciar organizzare le tue informazioni a Google è sicuramente comodo ma non è mai una bella idea. Non c’è alcuna garanzia che le informazioni che Google decida di pubblicare siano quelle corrette o le più aggiornate. In una scheda creata automaticamente senza la supervisione del proprietario, potrebbe accadere che il numero di telefono o la posizione dell’azienda nella mappa non siano quelli più corretti. Ancora più frequentemente, Google non è in grado di trovare tutte le informazioni che servono e la scheda risulta solo parzialmente completa.

Curare l’immagine della propria azienda nei confronti del mercato è sempre più importante: sia che si tratti dell’impatto visivo offline, cioé quello generato dalla tua officina fisica, sia che si tratti dell’impatto visivo online. Se vuoi approfondire questi due aspetti, clicca sui due link e troverai due articoli del nostro blog che approfondiscono proprio questi due aspetti.

Google peraltro è perfettamente consapevole che sei tu ad avere le informazioni più corrette, utili e aggiornate che riguardano la tua azienda: è per questo motivo che ha reso semplice e gratuito creare o rivendicare le schede di Google My Business.

Come rivendicare la scheda della tua azienda che già esiste?

Se la scheda Google my Business della tua azienda esiste ma non è ancora stata ancora rivendicata è importante che tu lo faccia al più presto.

La modalità più semplice per farlo è cliccare sulla voce “Sei il proprietario di quest’attività?” che compare nella scheda stessa e procedere con il processo di rivendicazione previsto da Google. La prima cosa che ti verrà chiesta è quella di dimostrare che tu sia effettivamente il proprietario di quell’attività. Come? Google ti chiederà di confermare l’indirizzo fisico della tua azienda a cui invierà per posta una cartolina cartacea contenente un un codice segreto.

Fino a quando non avrai ricevuto questo codice non potrai procedere a personalizzare la tua scheda. Appena avrai ricevuto il codice (per posta normalmente passano 10-15 giorni dalla richiesta) non ti resta che tornare nella tua scheda e inserirlo nello spazio apposito: la scheda a questo punto è tua a tutti gli effetti e potrai quindi procedere ad aggiornarla e completarla. Altre volte ad alcuni fortunati è data la possibilità di ricevere questo codice segreto direttamente attraverso un indirizzo di posta elettronica.

Una avvertenza importantissima: per creare, rivendicare e gestire la tua scheda di Google My Business via email è indispensabile disporre di un account di posta elettronica di GMail. Quindi, se già non avete uno, createlo ed utilizzatelo per ogni comunicazione con  Google: non ci sono alternative. Il mio consiglio è di crearne uno di tipo non personale (ad es. “autofficina.pippo@gmail.com”) in modo che possa essere usato anche da eventuali collaboratori condividendone la password.

Come si fa a creare una scheda di Google My Business se invece non ne esiste già una?

Se Google non ha creato la scheda My Business della tua azienda, la via più semplice per crearla da zero è cliccare su questo link https://www.google.it/business/ e seguire le istruzioni. Consiglio a tutti, anche a chi ha già la sua scheda ottimizzata, di cliccare sul link e dare un’occhiata alla descrizione del servizio: le funzionalità evolvono continuamente e anche se la scheda l’avete già una veloce lettura vi permetterà sicuramente di scoprire qualche nuova utilissima funzionalità.

Avete domande, richieste o bisogno di una mano?

Il processo di creazione (o anche di rivendicazione) della scheda è semplice a alla portata di tutti. Se avete delle domande o riscontrate delle difficoltà, non esitate a contattarmi qui nei commenti sotto l’articolo o sul mio profilo su Facebook: https://www.facebook.com/daniele.rozzoni.33. Cercherò di rispondere il prima possibile.

Se viceversa trovate più comodo continuare a dedicare il vostro tempo alla vostra attività e preferite lasciare il compito di ottimizzare la vostra scheda Google My Business a qualche professionista, sappiate che KeRete può darvi una mano anche in questo. Su questo link trovate tutte le informazioni del caso.

Buona rivendicazione della vostra scheda!

Daniele Rozzoni

 

 

Google my Business: rivendica la tua scheda!
Ti è stato utile questo articolo?
Taggato su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *