KeRete

Eurocar Point: il futuro riparte dall’etica

Il logo di Eurocar PointMassimo Foghinazzi fonda Eurocarpoint nel 2009 sulla base di un’esigenza: riqualificare il lavoro e la professionalità dei carrozzieri. In questa intervista spiega perché è indispensabile rimettersi in gioco e perché ha scelto KeRete per dare forza al suo progetto.

 

E’ tutto partito da un dato, e cioè che in Italia esistono circa 15mila carrozzerie, mentre negli altri Paesi europei, a parità di parco circolante, ce ne sono circa la metà.

Che cosa significa questo, concretamente?

“Una cosa molto semplice: siamo di fronte a un’anomalia e l’autoriparazione, in questo Paese, generalmente parlando, è poco professionale. Il futuro di questo settore dipende dalla sua capacità di riqualificarsi. Eurocar Point è nata per questo sei anni fa con sole quattro carrozzerie e oggi è arrivata a comprenderne 235”.

Quali sono le vostre strategie per raggiungere l’obiettivo?

“Ne abbiamo tre: la prima è perseguire i valori Etica Valori Eurocar Point e Kereteetici come trasparenza, lealtà, correttezza, determinazione, onestà; il secondo elemento è il lavoro di squadra: in un mondo globalizzato non si può pensare di affrontare questo mercato da soli; il terzo fattore è l’efficienza. Mi spiego: il mondo, più che a una crisi, si trova di fronte a un nuovo modello di lavoro. In questo nuovo sistema nessuno è più disposto a pagare per le inefficienze di altri”.

Come applicate, concretamente, questi valori?

Workshop di formazione Eurocar Point

Workshop di formazione Eurocar Point

“Non sono solo parole: in cinque anni abbiamo organizzato con le nostre carrozzerie e in tutto il territorio nazionale oltre 230 incontri formativi, che ci hanno consentito di condividere progetti e iniziative, e verificare quali passi avanti stiamo facendo nel mercato sotto l’aspetto dell’efficienza e del lavoro di squadra. Tanto per citare un’altra prova di serietà, siamo una rete certificata Dekra per ISO 9001 per quanto riguarda i processi di sostituzione del cristallo”.

A che cosa serve la collaborazione con KeRete?

“Uno dei punti di partenza per riqualificarsi è la classificazione professionale delle nostre

KeRete - Qualifiche - Questionario di Classificazione Professionale

Questionario di Classificazione Professionale – Domanda sulle qualifiche del personale tecnico

strutture, un’operazione che abbiamo voluto affidare a un’azienda terza, che è appunto KeRete, una realtà seria, che si basa sugli stessi principi di cui ho parlato finora. Autoqualificarsi non avrebbe avuto senso. KeRete ha messo a disposizione un questionario di 100 domande. I carrozzieri hanno risposto ottenendo un punteggio, in base al quale ciascuno ha acquisito un certo numero di stelle, fino a cinque. A dimostrazione che è stato un percorso serio e importante, è stato fatto un controllo da parte di una rete peritale, che ha controllato le singole carrozzerie e ha verificato che il punteggio raggiunto fosse effettivo. Nel caso in cui si sono verificate discrepanze tra quanto affermato e la realtà, il risultato è stato modificato”.

E quali sono i vantaggi per la vostra rete?

Eurocar Point è la prima rete di autoriparatori classificata da Kerete

Eurocar Point è la prima rete di autoriparatori interamente classificata da Kerete

“Oggi abbiamo bisogno di rivolgerci agli operatori del mercato, a flotte di auto, noleggi a breve e lungo termine, alle compagnie assicurative. Vogliamo dare un riscontro concreto di quello che raccontiamo. Le stelle KeRete ci rendono più credibili e rappresentano un valore che si rispecchia, concretamente, nella tariffa oraria da esporre sul mercato. Non possiamo dire: siamo tutti bravi e lavoriamo a 50 euro l’ora. Il percorso fatto insieme con KeRete garantisce rigore e trasparenza, e certifica che ciascuna struttura è diversa dall’altra. Ognuna di esse, quindi, è compresa in una fascia professionale cui corrisponde anche il giusto importo da pagare per le riparazioni”.

Quali sono i vantaggi per il cliente finale, se ce ne sono?

“Le conseguenze positive di questo percorso ricadono tutte, in primo luogo, sull’automobilista. Innanzitutto il vantaggio è economico, perché, operando su larga scala, consente acquisti di prodotti e servizi a prezzi concorrenziali. Le nostre strutture erogano servizi in modo uniforme in tutto il territorio nazionale, dalla Sicilia al Trentino. Offriamo una garanzia di 5 anni sulle riparazioni rispetto ai due previsti per legge, e questo vuol dire che chiunque può rivolgersi a qualsiasi carrozzeria che espone il nostro marchio in altre parti d’Italia. Quindi, una macchina riparata dalla nostra rete a Milano può essere ritoccata successivamente anche a Napoli se qualcosa non dovesse andare.

E per i grandi clienti?

“Tanto per citarne una, abbiamo un’unica partita IVA che fattura gli interventi in tutta Italia. La fatturazione centralizzata ci permette di avere un controllo sui costi e sulle performance dell’intera rete. Saremo in grado di presentarci a una compagnia assicurativa o ad altri grandi committenti dicendo che le nostre 235 carrozzerie hanno riparato 100 vetture e queste 100 vetture ci sono costate mediamente 1200 euro. Questo è importantissimo anche perché riduce i tempi liquidativi di un sinistro. Il vantaggio è quindi sia per l’automobilista, che può avere un risparmio sull’autoriparazione, sia sui grandi committenti, che hanno una uniformità di servizi”.

Rispetto ai vostri obiettivi, quali sono i primi riscontri della classificazione professionale di KeRete?

“Le prime impressioni sono molto positive perché c’è voglia nella nostra rete, e in generale da parte di tutte le carrozzerie, di mettersi in gioco e dimostrare che non sono una categoria di furbetti, come spesso vengono considerati. E’ importante anche dimostrare che non sono un elenco di anagrafiche, ma una rete costruita sul territorio con criteri di professionalità e correttezza. La nostra rete non è accessibile a tutti, ma solo a chi fa determinati investimenti per portarla a un certo livello. La classificazione professionale offre la possibilità di dimostrare tutto questo”.

Taggato su: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *